Martedi 17 Maggio 2011    
Noemi Stere, modella ispiratrice dell'opera, con il dipinto per il Drappellone del Palio di Fucecchio nello studio del Maestro Nardoni.

 

XXXI PALIO DELLE CONTRADE DELLA CITTA’ DI FUCECCHIO

E’ Sergio Nardoni l’autore del drappo (il Cencio, o Palio, ossia il premio che va alla contrada vincitrice) della XXXI edizione del Palio delle Contrade della Città di Fucecchio che quest’anno celebra il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. L’opera è stata presentata dall’Artista, dagli organizzatori, dai rappresentanti delle Contrade e dalle Autorità nel suggestivo scenario di Piazza Vittorio Veneto affollata all’inverosimile, con l’incredibile coreografia del Corteo Storico con la partecipazione di più di mille figuranti e alla quale l’architettura dell’antico borgo medioevale ha offerto, come sempre, una cornice d’eccezione. Il racconto della magica serata, seguita dalla critica e dalla stampa con gli inviati di numerosi giornali e televisioni, può essere sintetizzato dal titolo dell’articolo apparso su “La Nazione” il 18 maggio 2011: ”Un’ovazione per il cencio tricolore – è piaciuto il drappellone dipinto da Sergio Nardoni e ispirato all’Unità d’Italia”

Le foto

Il Maestro e il Sindaco Toni presentano
 il Palio alla folla (Fotocronache Germogli)
Il Drappellone viene presentato al pubblico (Fotocronache Germogli)
Il Cencio,  preso d'assalto dai contradaioli

La stampa

Articolo Il Tirreno 18.05.11
Articolo La Nazione 18.05.11
Articolo Metropoli 20.05.11
Palio Fucecchio